Orlando pronto a “richiudere” Palermo: “È mancato il senso di responsabilità”

Il sindaco di Palermo Orlando è pronto a chiudere nuovamente alla città le aree pubbliche che erano state riaperte nei giorni scorsi. È mancato il senso di responsabilità, dice in sostanza il primo cittadino, platealmente furibondo.

“Avevo previsto questo rischio e avevo fatto appello al senso di responsabilità dei cittadini. Un senso di responsabilità che migliaia di persone non hanno dimostrato, con comportamenti ben oltre i limiti dell’incoscienza che mettono a gravissimo rischio la salute della nostra comunità che non può permettersi un ritorno indietro. Forse non è chiaro che basta un semplice ritorno all’aumento dei casi positivi perché si torni al blocco totale di ogni attività economica e sociale. Con conseguenze difficilmente immaginabili”.

“Di fronte a questi comportamenti gravissimi – prosegue – e di fronte al loro numero spropositato, con decine di migliaia di persone a spasso, non ci sono controlli che possano tenere, non c’è presenza di forze dell’ordine che possa prevenire e reprimere. Oggi abbiamo voluto e dovevamo testare il senso di responsabilità dei cittadini. Ma se, come sembra, non c’è questa assunzione di responsabilità, sarà necessario già nelle prossime ore, d’intesa con le competenti autorità e con le stesse forze dell’ordine, un provvedimento drastico di inibizione dell’accesso alle aree pubbliche che oggi sono state prese d’assalto”.

Da segnalare che sono tate elevate multe ad alcuni giovani che erano in gruppo e senza mascherine in corso Vittorio Emanuele a Palermo. Poco prima dell’arrivo dei carabinieri il corso davanti alla Cattedrale era molto frequentato da numerosi passanti che hanno deciso di trascorrere del tempo all’aperto. Non appena hanno visto i militari c’è stato il fuggi fuggi. Ad alcuni ragazzi i carabinieri hanno contestato la presenza per strada senza giustificato motivo. Alcuni erano anche troppo vicini tra loro e non indossavano le mascherine.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI