senza acqua gela

Palermo, Amap contro i morosi: niente acqua per le prime 5.000 utenze

Ultimi giorni per i clienti di Amap morosi per mettersi in regola con i pagamenti prima che l’azienda proceda alla materiale sospensione dell’erogazione idrica. Partiranno infatti dalla prossima settimana gli interventi presso le prime utenze, circa 5.000 fra Palermo e provincia, di quei clienti che nonostante diversi tentativi bonari e richiami formali hanno scelto di non saldare i propri debiti con l’azienda che, nel caso di alcuni condomini o utenze commerciali, hanno importi a cinque zeri.

Fra i morosi per i quali si procederà al distacco delle utenze anche alcune centinaia di eredi o nuovi proprietari degli immobili, che non hanno effettuato né voltura né il pagamento delle fatture intestate ai precedenti titolari.

“Andando anche oltre i tempi di attesa e le procedure bonarie previste dalla normativa – spiega l’Amministratore di Amap Alessandro Di Martino – abbiamo cercato di evitare che si arrivasse a misure drastiche che non faranno altro che arrecare disagi ai cittadini e aumentare le spese, anche legali, che dovranno sostenere.”

Nei mesi scorsi Amap, seguendo le procedure previste dall’ARERA, l’Autorità nazionale che regola tariffe e procedure per le aziende del settore idrico, ha infatti avviato le operazioni di recupero dei crediti rivolte a circa 50.000 utenti (su un totale di circa 220.000 utenze complessive servite da Amap).

Fra questi spiccano circa 8.000 “grandi morosi” che con una media pro-capite di oltre 6.500 euro di debiti devono complessivamente all’Azienda oltre 51 milioni. In una prima fase sono state inviate lettere di avviso bonario e successivamente, a coloro che non hanno avviato procedure di rientro del debito, una ulteriore comunicazione raccomandata col preavviso di distacco. Tale operazione ha portato alcune migliaia di utenti a regolarizzare la propria posizione, o saldando il debito o concordando un piano di rateizzazione fino a 36 mesi, con un incasso complessivo per l’azienda pari, ad oggi, ad oltre 12 milioni sugli oltre 50 già contestati. Molti non hanno però risposto al sollecito dell’azienda, scegliendo di non pagare.

Fra i morosi anche alcuni enti pubblici per i quali non si può effettuare il distacco idrico “ma nei confronti dei quali – spiega Di Martino – avvieremo ora le operazioni di riduzione del flusso ove possibile e, in ogni caso di recupero coatto delle somme, come già avvenuto in passato in situazioni simili. Una scelta purtroppo obbligata, che in ultima analisi porterà solo un maggior danno economico per le casse di questi enti.”

“Quello che è certo – conclude l’Amministratore di Amap – è che non possiamo non intervenire con risolutezza, perché è nostro dovere tutelare le finanze dell’azienda, che vuol dire tutelare la qualità del servizio che eroghiamo agli utenti, la stragrande maggioranza dei quali è assolutamente corretta nei tempi e modalità di pagamento.”

Gli interventi di interruzione della fornitura o di sua limitazione nei casi in cui la legge vieti il distacco totale saranno nel tempo rese più agevoli dalla installazione, che comincerà dall’inizio del prossimo anno, dei nuovi contatori “smart”, per i quali è in corso di aggiudicazione una gara da poco più di un milione e mezzo di euro. I nuovi contatori, che saranno installati in oltre la metà delle utenze, saranno infatti dotati di un’apposita valvola, azionabile anche a distanza, finalizzata proprio alla limitazione o interruzione del flusso idrico in caso di persistente morosità.

CATANIA, NASCONDE PROIETTILI IN UN PELUCHE DELLA FIGLIA: ARRESTATO UN RAGAZZO DI 24 ANNI

PANTELLERIA, TROVATI 138 KG DI HASHISH: I CARABINIERI ARRESTANO DUE UOMINI

INDICE DELLA CRIMINALITÀ, ENNA IN CIMA ALLA CLASSIFICA DEGLI OMICIDI VOLONTARI

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI