Palazzo-Aquile

Palermo, anagrafe respinge le pratiche e le gira al sindaco Orlando

All’ufficio anagrafe di Palermo oggi – lunedì 28 gennaio – è il primo giorno d’appuntamenti per gli stranieri in attesa di ottenere la residenza.

Le pratiche erano state bloccate il 2 gennaio scorso, il giorno in cui il sindaco Leoluca Orlando aveva spedito all’ufficio una direttiva nella quale si chiedeva di non attuare la parte del decreto Salvini che impedisce l’iscrizione all’anagrafe dei richiedenti asilo.

Su 9 persone in lista, si sono presentati in 5: tre comunitari (la cui pratica non presenta problemi), un libico e un cittadino della Guinea. Per gli ultimi due, come spiegato dal capo area Maurizio Pedicone all’Ansa, è stato dato parere negativo dagli uffici. Le due pratiche saranno inviate al sindaco che potrà – come ha più volte annunciato – firmarle di proprio pugno.

Dei 6 dipendenti dell’anagrafe, oggi 5 erano in malattia, compresi la responsabile e il vice. Per dare una mano all’unico rimasto, sono stati chiamati 2 colleghi da altri uffici. Da domani si prevedono circa 50 pratiche al giorno e il calendario degli appuntamenti è completo fino a tutto marzo.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI