Palermo, appropriazione indebita di fondi UE destinati al quartiere Zen: tre arresti

I Carabinieri di Palermo hanno eseguito tre provvedimenti cautelari degli arresti domiciliari per le ipotesi di reato di induzione indebita a dare o promettere utilità.

Si contesta la presunta esistenza di un unitario centro di interessi illeciti, radicato all’interno degli uffici dell’Istituto Autonomo Case Popolari di Palermo, formato da professionisti privati e pubblici ufficiali con competenze in materia edilizia e incaricati della gestione dei fondi di spesa pubblici nazionali ed europei.

Secondo l’accusa, i pubblici ufficiali coinvolti sfruttavano la loro mansione all’interno dell’Istituto per appropriarsi di una parte delle somme di danaro destinate all’esecuzione di lavori in realtà poi eseguiti solo sulla carta. Un sistema “concussivo ambientale” finalizzato all’ottenimento di vantaggi patrimoniali indebiti in danno del buon esito di progetti di edilizia pubblica cofinanziati dall’Unione Europea.

Le indagini hanno riguardato soprattutto un progetto di risanamento e manutenzione di edifici di pubblica utilità nel quartiere “Zen” per cui era stato previsto uno stanziamento complessivo di 1 milione e mezzo di euro.

Il vicesindaco di Palermo, Carolina Varchi, ha affermato: “Questa operazione, svolta dai carabinieri in sinergia con la Procura europea, testimonia quanto sia decisivo vigilare sui fondi europei in arrivo. Proprio in questa direzione sarà rivolto il nostro impegno quotidiano per portare avanti una battaglia di legalità e trasparenza. Il mio plauso, oltre che alle forze dell’ordine che hanno svolto l’attività investigativa, va anche all’imprenditore che ha avuto il coraggio di denunciare il tentativo di illecito. I gesti esemplari favoriscono il percorso di legalità”.

PALERMO, ANNUNCIATA LA GIUNTA: “VARCHI OTTIMA SCELTA, MA TOTÒ ORLANDO NO” / LE REAZIONI

PALERMO, VARATA LA NUOVA GIUNTA DI LAGALLA: VARCHI VICESINDACO, LE ALTRE DELEGHE IL 21 LUGLIO

ARRESTI A PALERMO, LAGALLA: “INFLUENZA MAFIOSA FORTE NEL TESSUTO ECONOMICO DELLA CITTÀ”

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI