Palermo, bambino nasce con due teste: salvato dopo un delicato intervento

Storia di un piccolo grande miracolo e dell’ostinazione di una madre. É la storia di Santiago, un bimbo nato a Palermo nonostante i medici le dicessero che non sarebbe sopravvissuto: il piccolo, già dalle ecografie fatte nel 2019, risultava con due teste.

A raccontare la storia è il Giornale di Sicilia. I medici pensavano che se fosse nato non avrebbe avuto speranze e sarebbe rimasto un vegetale, invece lui adesso gattona e parla come un bimbo normale.

Da un gruppo di preghiera di Palermo è iniziata la sua battaglia. Poi una colletta ne ha permesso il trasferimento (inizialmente osteggiato dall’ospedale in cui era nato): il bimbo alla fine è arrivato all’Ospedale Bambin Gesù a Roma, a bordo di un elicottero messo a disposizione dalla Regione.

A Roma è stato tentato l’intervento di asportazione della “seconda testa” con solo il 17% di possibilità di riuscita. la Regione ha messo infatti a disposizione un elicottero, un medico e un infermiere per il trasferimento del bimbo a Roma dove è stato eseguito l’intervento.

“Io e mio marito non abbiamo mai avuto dubbi – dice la mamma di Santiago, Martina Laurendino – anche se i medici non ci davano nessuna speranza abbiamo deciso che sarebbe stato Dio a decidere per lui….”

“ZONA ROSSA” PROROGATA A VITTORIA E CENTURIPE

ABUSI SESSUALI SULLE DIPENDENTI: ARRESTATO TITOLARE DI UN BAR

IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DEL 9 NOVEMBRE 2020

CORONAVIRUS A PALERMO: 66 POSITIVI IN UNA RSA

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI