Palermo, code infinite in viale Regione. Gelarda (Lega): “Intervenga la Protezione Civile”

È stato un 23 dicembre da incubo per il traffico di Palermo. Il restringimento a una corsia del Ponte Corleone ha causato code chilometriche in viale Regione Siciliana, bloccando tutta la Circonvallazione. Gli automobilisti, per attraversare l’arteria stradale, hanno impiegato anche tre ore.

Il capogruppo della Lega in Consiglio comunale, Igor Gelarda, commenta così la situazione: “Come era accaduto a giugno scorso, il giorno in cui si girò il video della Red Bull, anche ieri Google Maps ha colorato di marrone, che indica la paralisi totale, la situazione del traffico a Palermo. Traffico bloccato per ore in viale Regione Siciliana, a seguito del restringimento ad una sola corsia in entrambi i sensi del Ponte Corleone. Questo purtroppo sarà lo scenario che si presenterà ai palermitani nei prossimi mesi, forse anni. Nessuno creda che ieri era un giorno eccezionale in quanto antivigilia di Natale, perché così sarà anche alla ripresa delle scuole e in tante altre occasioni.”

Diventa, da oggi, praticamente sconsigliato percorrere viale Regione Siciliana, diventa cioè definitivamente invivibile questa città. Questo è il frutto di anni di disattenzione e incapacità nei confronti del ponte Corleone, importantissima infrastruttura per la nostra viabilità – continua – . In attesa che comincino i lavori sul ponte, per i quali abbiamo chiesto anche l’intervento del viceministro delle infrastrutture Alessandro Morelli, chiediamo che oltre alla polizia municipale, ormai ridotta a pochissime unità e che non può sobbarcarsi da sola la gestione di questa crisi, intervenga anche la Protezione Civile per agevolare il traffico e dare aiuto agli automobilisti bloccati“.

“Mentre non possiamo che augurarci che lo spirito del Natale illumini Giusto Catania e gli faccia immediatamente sospendere la ZTL non solo per Natale e Santo Stefano, ma anche per tutti gli altri santi giorni che i palermitani resteranno bloccati nel traffico”, conclude Gelarda.

MAFIA, SEQUESTRO DI BENI PER 2 MILIONI E MEZZO DI EURO A UN IMPRENDITORE DI ALCAMO

INCIDENTI, UN MORTO A VIZZINI DOPO LO SCONTRO TRA DUE AUTO. A COMISO PERDE LA VITA UN 15ENNE

TERREMOTO NEL CATANESE, LA SCOSSA PIÙ FORTE REGISTRATA A SEI KM DA MOTTA SANT’ANASTASIA

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI