Palermo: confiscato patrimonio milionario al “re delle cave” Giuseppe Bordonaro

É stata disposta dalla sezione misure di prevenzione del tribunale di Palermo la confisca del patrimonio dell’imprenditore Giuseppe Bordonaro, il “re delle cave”: il provvedimento, richiesto dal pm Gery Ferrara, riguarda quote societarie, conti correnti, investimenti finanziari, beni mobili e immobili per milioni di euro.

Bordonaro, in società con i fratelli Pietro e Benito, – la confisca colpisce anche loro – operava nel settore cave di pietra con produzione e commercializzazione del calcestruzzo, dei conglomerati bituminosi, del cemento, del materiale per costruzioni e del marmo.

Nella ‘cava Bordonaro’ si realizzava la ‘pietra di Billiemi’, marmo molto pregiato. Condannato a 4 anni e 6 mesi per associazione mafiosa, Bordonaro è accusato di essere uomo di fiducia di Angelo Siino, l’uomo della mafia nella gestione illecita degli appalti.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI