Palermo, Faraone (IV): “Stop al tram, recuperiamo il progetto della metropolitana leggera”

Davide Faraone, presidente dei senatori di Italia Viva e candidato sindaco a Palermo, ha commentato lo stop alle nuove linee del tram proponendo una soluzione un po’ “vintage”.

“Nei 10 anni di sindacatura Cammarata, insieme al mio collega e amico Fabrizio Ferrandelli, siamo stati tra i più duri oppositori del Sindaco di allora. Io capogruppo del Pd, lui capogruppo di Italia dei Valori. Ma oggi, leggendo le polemiche sul tram in via Libertà e ascoltando le parole in libertà di Catania e Orlando, rimpiango quei tempi. Ho scritto pure un messaggino su whatsapp a Diego Cammarata per dirglielo”, scrive sul suo blog.

Avevamo approvato il progetto preliminare di parte del tracciato della metropolitana leggera automatica che andava in sotterranea dalla via Oreto fino a Mondello. Se invece di azzerare tutto e ricominciare da capo col tram, fossimo andati avanti con quel progetto, con i fondi del Pnrr, o quelli che i fondi del Pnrr libereranno dal bilancio dello Stato, quest’opera sarebbe in parte già pronta e la restante finanziata. 

Un’opera che come ha scritto bene Fabrizio: “occupi il sottosuolo e non la superficie, che alleggerisca il traffico e non appesantisca ulteriormente gli assi viari.” C’era già un progetto preliminare del primo lotto funzionale  lungo 7 km, quella che va dallo svincolo di via Oreto fino alla stazione Notarbartolo, sono riusciti a bloccarlo e a non realizzare null’altro nonostante i governi Renzi/Gentiloni  avessero trasferito le risorse economiche. 

Io adesso recupererei il progetto (già pagato) della metropolitana leggeraautomatica in sotterranea e chiederei al governo Draghi di finanziare l’opera che potrà essere realizzata in circa 4 anni. Abbiamo già perso troppo tempo, non perdiamone più”.

SETTIMANA DI MALTEMPO, SICILIA TRA LE REGIONI PIÙ A RISCHIO: POSSIBILI NUBIFRAGI E FORTE VENTO

ETNA, UN SOCCORRITORE MUORE DURANTE IL RECUPERO DI UN ESCURSIONISTA DA UN CANALONE

MAFIA, SEQUESTRATI BENI PER OLTRE 300 MILA EURO AL “CASSIERE” DI UN CLAN DI MESSINA

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI