Palermo, grande successo per la “Notte Bianca” a Palazzo Reale: 21 mila visitatori

Il complesso di Palazzo Reale, con i giardini e la Cappella Palatina, è stato il luogo più visitato nella prima delle Notti Bianche nei siti Unesco aperti al pubblico in notturna. Affollato l’intero percorso, animato da concerti nel cortile Maqueda. La Fondazione Federico II aveva proposto un itinerario che ha toccato tutti i punti di maggiore richiamo in un’atmosfera di grande suggestione.

Il pubblico ha affollato i giardini e il palazzo fino alle 23,30 mentre orchestra e cantanti si alternavano sul palco. I visitatori alla fine sono stati oltre 21 mila: più di mille rispetto a quelli dell’anno scorso.

“Una partecipazione così imponente esprime il bisogno di una rivisitazione di questi luoghi e dei tesori che custodiscono, secondo una visione culturale sempre più attenta e più esigente – ha commentato il direttore della Fondazione Federico II, Patrizia Monterosso –. Il disegno che sostiene l’idea di allargare la fruizione di Palazzo Reale scaturisce da queste sollecitazioni e mira quindi a “promuovere il sincretismo culturale dei monumenti dell’itinerario arabo-normanno”.

E la risposta c’è stata. Oltre a Palazzo Reale per la prima Notte Bianca sono state aperte la cattedrale, la chiesa di San Giovanni degli Eremiti; la bizantina Santa Maria dell’Ammiraglio (la Martorana) e la chiesa di San Cataldo; Ponte dell’Ammiraglio e il sollazzo normanno della Zisa. Le altre due Notti Bianche del fine settimana illuminano altre due tappe dell’itinerario arabo-normanno: sabato a Monreale e domenica a Cefalù.

Categorie
cultura
Facebook

CORRELATI