Palermo, i lavoratori Blutec in piazza: sit-in di protesta davanti alla sede della Regione

“Umiliati e derubati, Termini Imerese non deve morire”. Inizia così lo striscione che introduce la protesta dei lavoratori della Blutec e dell’indotto e sindaci del territorio, che sono scesi in piazza davanti a Palazzo d’Orleans, sede della presidenza della Regione Siciliana.

Lo striscione recita “Umiliati e derubati, Termini Imerese non deve morire. Politici siciliani aiutateci, ci sono 1000 famiglie disperate non abbandonateci”. Lavoratori e sindacati temono che il ministero possa bocciare il piano dei commissari per il rilancio dello stabilimento.

In piazza Indipendenza si stima siano presenti circa 400 persone: i sindacati Fim Fiom e Uilm avevano chiesto un incontro al governatore Nello Musumeci (che oggi è presente a Palazzo d’Orleans per una conferenza stampa sulla campagna di vaccinazione in Sicilia). A incontrare una delegazione è invece l’assessore alle Attività produttive, Mimmo Turano.

Il governatore ha poi commentato: “Più che salvare il posto di lavoro bisogna salvare il lavoratore: se una azienda non sta più sul mercato si recuperi la risorsa umana, la si riqualifichi e la si ricollochi. Questo deve fare un governo serio e questa competenza è del governo nazionale. Perché si continua a far finta di niente? Cosa si vuol fare?”.

PALERMO, INCIDENTE VIALE REGIONE: MORTA ANCHE L’ALTRA RAGAZZA

I SUMMIT MAFIOSI CON IL BOSS CONDANNATO: 40 ARRESTI

ESPLOSIONE IN UNA MACELLERIA NEL CENTRO DI PALERMO: 8 FERITI

IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DEL 3 MAGGIO 2021

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI