Palazzo delle Aquile

Palermo, il Comune prevede un taglio di 13 milioni alle aziende partecipate. Salva la scuola

Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, ha presentato il bilancio messo a punto dalla Giunta comunale, che prevede un taglio di 13 milioni alle aziende partecipate, restano salvi scuola, servizi sociali, mentre viene acceso un mutuo di 20 milioni per completare le linee del tram, che serviranno ad integrare i finanziamenti già previsti.

“È una razionalizzazione delle spese perché tutti i servizi ai cittadini saranno garantiti. Oggi predisporre il bilancio di un comune è un’operazione difficile“, afferma Orlando. Ma i tagli vanno a incidere, per esempio, sulle navette Amat, come quella interna all’ospedale Civico di Palermo, sulla pulizia delle caditoie, sul monitoraggio delle buche, sulle derattizzazioni.

Una scelta obbligata, considerato che vanno accantonati 20,5 milioni di euro all’anno per 15 anni, relativi alle somme che vanno messe da parte per il cosiddetto ‘fondo di dubbia esigibilità’. Soldi che si ritiene di incassare ma che potrebbero anche non entrare nelle casse comunali.

La giunta punta sul personale: sono stati appostati 3,9 milioni per stabilizzare una parte dei dipendenti part-time e per poter assumere i dirigenti tecnici. Resta salva la spesa sociale e quella destinata alla scuola. Anzi, un milione di euro è stato donato dalla Banca d’Italia al comune di Palermo che li intende destinare ad anziani e disabili. L’ultima parola adesso spetterà al Consiglio Comunale.

CORONAVIRUS IN SICILIA, I DATI DEL 3 DICEMBRE

CORONAVIRUS IN ITALIA, I DATI DEL 3 DICEMBRE

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI