Palermo, il consiglio comunale boccia il piano triennale delle opere pubbliche

Il consiglio comunale di Palermo ha bocciato il piano triennale delle opere pubbliche per il periodo 2020-2022: su 33 consiglieri presenti al voto nel pomeriggio, 16 i contrari, 6 gli astenuti, 11 i favorevoli. L’atto era già stato precedentemente bocciato anche in commissione.

SINDACO (Leoluca Orlando) E ASSESSORI (vicensindaco Fabio Giambrone, assessori Catania, Di Dio, Marano, Marino, Mattina, Petralia Camassa, Prestigiacomo e Zito) –  “A partire dalla bocciatura del piano per la riqualificazione dell’area del mercato ittico, la mancata sospensione del regolamento sulle sanzioni per l’evasione, passando per la bocciatura del bilancio consolidato, per la mancata approvazione dei regolamenti sui beni comuni e sui beni confiscati, e oggi del piano triennale delle Opere pubbliche, si assiste al ripetersi di voti ‘anomali’ da parte di consiglieri comunali che pure affermano di condividere e sostenere le scelte strategiche e l’operato dell’Amministrazione e che sono rappresentati all’interno della Giunta comunale.

Si tratta evidentemente non di più di episodi, ma di scelte che riteniamo inaccettabili, frutto di un approccio ai rapporti interni alla coalizione, che rischia di causare danni insostenibili e forse irreversibili alla città. Noi continueremo a lavorare per il bene della città, così come continueremo a pensare e ad agire considerando che sia necessario un approccio di squadra e della valorizzazione e del rispetto di ciascuna cultura e forza politica. E’ ovvio che chi non ha tale approccio e chi non lo manifesta con scelte amministrative concrete si pone di fatto al di fuori di un percorso politico e amministrativo”.

ALESSANDRO ANELLO (Lega) – “La bocciatura in consiglio comunale del piano triennale delle opere pubbliche per il periodo 2020-2022 certifica ancora una volta l’assenza totale di programmazione dell’amministrazione guidata dal sindaco Orlando, una patologia ormai cronica che sta fortemente debilitando lo stato di salute della città di Palermo. A Palazzo delle Aquile di piano triennale in piano triennale si va avanti da molti, troppi anni senza opere realizzate, ma soprattutto nella totale confusione rispetto agli interventi strategici per lo sviluppo della città. Un piano, inadeguato e vecchio, che ha dato ancora una volta dimostrazione che l’amministrazione comunale non ha nessuna progettualità”.

TONY SALA (Avanti Insieme) – “Una bocciatura annunciata, che si poteva evitare, se l’amministrazione avesse agito diversamente e se nell’ambito della maggioranza ci fosse stato un confronto sul tema. Spiace che a farne le spese, come sempre, sia la città”.

MARIANNA CARONIA (Forza Italia) – “La definitiva bocciatura del Piano Triennale delle Opere pubbliche segna il totale sgretolamento della maggioranza che sosteneva la Giunta Orlando. Uno sgretolamento che non può più essere ignorato dall’Amministrazione. Nel merito, il Piano presentato, come già avevamo sottolineato ieri in Commissione, è in realtà un “non-piano”, uno strumento che programma ben poco e che nella lista delle priorità continua a mantenere il Tram che, qualora ci fosse stato bisogno di conferme, è evidente che questo Consiglio comunale non vuole realizzare. Non lo vuole almeno con le modalità e nel tracciato che il duo Catania-Orlando ha imposto in questi anni. Proprio per questo credo che siano ormai non più rinviabili le dimissioni dell’Assessore Catania, sempre più ostacolo al dialogo fra Amministrazione e Consiglio comunale”.

IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DEL 15 APRILE 2021:

IL BOLLETTINO NAZIONALE DEL 15 APRILE 2021

LA SANITA’ SICILIANA? PER GESTIRLA BASTANO I RITAGLI DI TEMPO

SICILIA A UN PASSO DALLA ZONA ROSSA

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI