Palermo, il rombo dei motori per salutare Candida e il figlioletto: il corteo ai funerali

Un rombo di motore per salutare Candida Giammona e il suo figlioletto Leon. Così un corteo di moto Harley Davidson e l’associazione motociclistica Palermo Chapter Hog hanno salutato la donna morta a Palermo poco dopo il parto alla clinica Candela (vicenda su cui è stata aperta un’indagine) nel giorno dei funerali, celebrati poi nella chiesa di Sant’Ernesto. L’uscita dei feretri è stata poi accolto da palloncini bianchi, rosa e azzurri lasciati volare nel cielo.

Da parte degli amici dell’associazione (di cui fa parte anche il marito della donna, appassionata di motori) l’unico gesto possibile per onorare Candida: “Possa la strada venirti incontro. Possa il vento essere sempre alle tue spalle. Possa il sole caldo brillare sul tuo viso e la pioggia cadere dolce sui tuoi campi”, avevano scritto nei giorni scorsi dopo la tragica notizia.

Don Carmelo Vicari, parroco di Sant’Ernesto, ha espresso nell’omelia il desiderio che al più presto si faccia chiarezza sull’evento, accertando “le cause che hanno trasformato l’attesa di un lieto evento in una angosciata attesa prima e un luttuoso evento dop. In occasione del funerale di Candida Giammona e del piccolo Leon possa essere così soddisfatta la vostra giusta richiesta di familiari, amici e di gente comune di una giusta giustizia”.

SICILIA VERSO LA “ZONA GIALLA”, ASSEMBRAMENTI PERMETTENDO…

L’ISS: “ALLERTA MASSIMA SULLE VARIANTI”

BILANCIO E FINANZIARIA: TESTO APPROVATO IN GIUNTA, CRITICHE DAL PD

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI