Palermo, la Polizia ferma due stalker: avevano incendiato l’auto della vittima

La Polizia di Stato ha eseguito una ordinanza di misura cautelare nei confronti di un uomouna donna, palermitani, rispettivamente G.D. di 50 anni e M.F. di 56 anni, poiché ritenuti responsabili del reato di “atti persecutori” in danno di una concittadina, madre di due figli piccoli.

I poliziotti hanno fatto luce su una storia di minacce, pressioni psicologiche e intrusioni nella vita privata della donna, ad opera dei due. L’apice della violenza è stato raggiunto con l’incendio dell’auto della vittima che, soltanto per un fortuito caso, non ha cagionato danni ancor più gravi, avendo le fiamme attinto e annerito anche le pareti dello stabile posto nelle adiacenze in cui era stata parcheggiata l’auto della donna a Mondello.

L’uomo è quindi agli arresti domiciliari mentre per la donna è scattato il divieto di avvicinamento alla vittima. Inoltre, si è proceduto al sequestro dell’auto, con cui l’uomo avrebbe raggiunto l’abitazione della vittima in occasione dell’incendio appiccato dolosamente ed alla notifica del provvedimento di revoca del reddito di cittadinanza, percepito mensilmente dalla stalker nel corso degli ultimi 18 mesi.

VACCINO ANTI-COVID, LA SICILIA CROLLA AGLI ULTIMI POSTI

PALERMO, SEQUESTRATO UN PANIFICIO ABUSIVO A BORGO VECCHIO

MAFIA, IMPORTANTE BLITZ NELL’ENNESE

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI