Reset Palermo

Palermo, la Reset non si ferma. L’assessore Marino: “Il contratto sarà firmato”

L’assessore comunale al Bilancio, Sergio Marino, ha annunciato che il nuovo contratto di servizio fra il Comune di Palermo e la Reset, la società che gestisce diversi servizi pubblici, sarà firmato il 31 dicembre con decorrenza 1 gennaio (e non più il 3 gennaio come inizialmente annunciato). Questo dovrebbe scongiurare lo stop alle attività.

L’assessore Sergio Marino, a seguito di apposite interlocuzioni con gli uffici competenti, comunica infatti che “la stipula del contratto di servizio di Reset avverrà giorno 31 dicembre, con decorrenza 1 gennaio” e che tale soluzione “consentirà di evitare ogni interruzione ai servizi resi da RESET e ciò grazie alla disponibilità degli uffici che, pur in giorno festivo, provvederanno a firmare la determina e renderla operativa”. L’assessore, infine, ringrazia “sia la Reset per il contributo dato, ma anche gli uffici che hanno dato segno di responsabilità e attenzione per la città che fruisce di servizi essenziali da parte della partecipata”.

Prima del nuovo annuncio dell’assessore Marino, era già stato previsto che in ogni caso per i giorni 1 e 2 gennaio la Reset avrebbe comunque usato un minimo di risorse umane per i servizi cimiteriali e per il canile (che per ovvi motivi non possono essere sospesi).

A commentare la notizia anche il capogruppo della Lega a Palazzo delle Aquile Igor Gelarda: “Da un lato non possiamo che esprimere soddisfazione perché non ci sarà  disagio per i lavoratori e per la città. Mentre dall’altro, non è giusto che la Reset venga trattata sempre come l’ultimo chiodo del carro, con i lavoratori che devono vivere la preoccupazione di essere sospesi, come lo sono da decenni, in balia delle bizze di un’Amministrazione comunale che non riesce a valorizzarli. Per questa ragione abbiamo proposto che, una volta che avremo il bilancio di previsione, venga portata a 2 anni la durata della parte economica del contratto. La Reset sarà uno dei nodi centrali per la prossima Amministrazione, sicuramente di centro-destra che governerà questa città, perché così non si può più continuare. La partecipata, infatti, gode di professionalità che sono utili per questa città, ma che non vengono valorizzate e utilizzate appieno in una città che ha bisogno di servizi”.

COVID, LA CAMPAGNA VACCINALE ACCELERA: PICCO DI INOCULAZIONI GIORNALIERE, OLTRE 619MILA

COVID IN SICILIA, AUMENTA IL NUMERO DI FOCOLAI MA GLI OSPEDALI “TENGONO”: I DATI DEL DASOE

RICETTAZIONE E TRAFFICO ILLECITO DI RIFIUTI, SEQUESTRATE DUE SOCIETÀ NEL PALERMITANO

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI