Palermo, lavoro in nero e violazione delle norme anti-Covid: chiusi quattro locali

Un controllo nelle zone della movida di Palermo è stato effettuato ieri sera dalla Polizia di Stato con l’obiettivo di garantire la sicurezza di luoghi tradizionalmente frequentati dai giovani. Le verifiche hanno interessato principalmente la zona del Cassaro e della Magione.

Disposta la chiusura di ben quattro locali al Cassaro: dovranno tenere la saracinesca abbassata per cinque giorni per violazioni alle linee guida sul rispetto della normativa “antiCovid”. I dipendenti sono stati sanzionati mancato uso della mascherina, lo stesso ad alcuni clienti intenti a consumare ai tavoli privi di green pass. In due locali, inoltre, alcuni lavoratori erano assunti in nero: comminate sanzioni per 3600,00 euro. Anche in due dei locali di piazza Magione sono state registrate irregolarità nella somministrazione di alimenti e bevande.

Complessivamente, nei controlli delle due zone, le Forze dell’Ordine ed il personale dell’Asp hanno elevato sanzioni pari a, circa, 25.000,00 euro, contestando carenze igienico sanitarie, mancato possesso della Scia per la somministrazione di alimenti e bevande in ambiente esterno e occupazione abusiva di  suolo pubblico. E’ stato intimato quindi l’immediato ripristino dello stato dei luoghi. I controlli proseguiranno nel corso delle prossime settimane e si estenderanno anche ad altri luoghi cittadini.

CRISI UCRAINA, AL VIA L’ACCOGLIENZA DEI PROFUGHI. MUSUMECI: “FAREMO LA NOSTRA PARTE”

È MORTO ANTONIO MARTINO, EX MINISTRO DEGLI ESTERI E DELLA DIFESA: AVEVA 79 ANNI

SICILIA, LA SCALA DEI TURCHI SI TINGE COI COLORI DELL’UCRAINA NEL NOME DELLA “PACE” / VIDEO

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI