Palermo, manager accusato di prostituzione minorile: chiesta condanna a 17 anni

La Procura di Palermo ha chiesto una pena di 17 anni e 4 mesi di carcere per Francesco Pampa, titolare della Vanity Models Management, arrestato a gennaio e processato con l’abbreviato. L’accusa è quella di di aver fatto prostituire modelle minorenni.

Dietro al paravento della sua agenzia di moda avrebbe gestito, secondo l’accusa, un giro di prostituzione minorile, pagando lui stesso per fare sesso con modelle e promoter. Il sostituto procuratore Sergio Mistritta ha anche invocato una condanna a 6 anni e 2 mesi per l’ex socio di Pampa, Massimiliano Vicari, e a 2 anni e 8 mesi per un presunto cliente, Filippo Giardi.

La requisitoria si è tenuta la mattina del 9 novembre, davanti al gup Rosario Di Gioia. A fine mese l’udienza con gli avvocati della difesa.

MALTEMPO IN SICILIA, ALLERTA ARANCIONE SU TUTTO IL TERRITORIO PER IL 10 NOVEMBRE

MALTEMPO IN SICILIA: DANNI E DISAGI NEL PALERMITANO, TROMBA D’ARIA NEL NISSENO

COVID IN SICILIA, STABILI I NUOVI POSITIVI MA AUMENTANO I RICOVERI: I DATI SETTIMANALI

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI