Palazzo di Giustizia: Tribunale di Palermo

Palermo, omicidio Quartararo al Cep del 2014: assolti anche in appello i tre imputati

L’omicidio di Maurizio e Umberto Quartararo (avvenuto nell’ottobre 2014, nel mercato del quartiere Cep di Palermo, per mano di due killer a volto coperto) resta senza colpevole. La corte d’assise d’appello di Palermo ha nuovamente assolto i fratelli Marcello, Salvatore ed Enrico Marra, che erano accusati del delitto ma erano stati assolti anche in primo grado. Altri due fratelli (Alfredo e Lorenzo Marra) erano già stati assolti con rito abbreviato.

Maurizio Quartararo morì 20 giorni dopo l’agguato, in cui rimasero feriti anche il fratello e una passante. Secondo la ricostruzione della Procura, alla base del delitto ci sarebbe stata una faida proprio tra i Quartararo e i Marra, vicini di casa della vittima e nei precedenti all’agguato ci fosse stato una violenta lite tra due donne delle rispettive famiglie.

Nel corso di quella lite i Marra avrebbero minacciato di morte i rivali, ma un’affermazione dello stesso Umberto Quartararo è stata invece alla base della difesa degli imputati: non sapendo di essere intercettato in ospedale, Quartararo descrisse l’aggressore a un familiare sostenendo che fosse magro di corporatura. Un’affermazione che non corrisponderebbe alle caratteristiche fisiche degli imputati.

VACCINO COVID, LA SICILIA PROVA AD ACCELERARE: I NUMERI DELLA CAMPAGNA

MUSUMECI: “IL PONTE SULLO STRETTO? UNA NECESSITA’. MA SUL RECOVERY…”

“LA SCALA DEI TURCHI È PRIVATA”: ECCO IL PARERE DEGLI ESPERTI DEL GIP 

VACCINO ANTI-COVID, IN ARRIVO UN MILIONE DI DOSI PFIZER

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI