Palermo, operavano tra mafia e “spaccaossa”: doppio sequestro di beni da 1 milione

Sono due i sequestri di beni effettuati a seguito delle indagini dei Carabinieri di Palermo, per un valore complessivo di circa 1.000.000 euro, a carico di Vincenzo Adelfio (90 anni) e Salvatore Andrea Cintura (33 anni).

Adelfio era stato arrestato nell’operazione denominata “Brasca” ed è ritenuto facente parte della famiglia mafiosa di Palermo Villagrazia: è stato condannato a 9 anni e 4 mesi di reclusione a causa delle estorsioni. Il provvedimento di sequestro ha riguardato beni per 290.000 euro.

Cintura, invece, era stato arrestato nell’operazione “Over” con l’accusa di commettere frodi assicurative procurando fratture a vittime consenzienti. Per il caso degli “spaccaossa” era stato condannato all’esito di giudizio abbreviato, confermata in secondo grado, a 13 anni e 2 mesi di reclusione.

Gli sono stati sequestrati beni per circa 710.000 euro: impresa individuale a Palermo con attività di commercio all’ingrosso si prodotti alimentari, bevande e tabacco; 4 magazzini a Palermo; 23 rapporti bancari.

TRUFFA NEL RAGUSANO, FALSE INVALIDITÀ IN CAMBIO DI “MAZZETTE”: SOSPESO UN MEDICO

SGOMINATO TRAFFICO DI DROGA NEL CATANESE: DIECI ARRESTI TRA LA SICILIA E L’ABRUZZO

COVID, GIMBE CHIEDE IL RIPRISTINO IMMEDIATO DEI BOLLETTINI GIORNALIERI: “È INACCETTABILE”

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI