Palermo, operazione antidroga allo Sperone: arrestati in cinque, due positivi al Covid

La Polizia di Stato ha tratto in arresto per concorso in detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti i palermitani C.S. 41enne, F.G. 31enne, I.S. 23enne; S.D. 41enne, S.V. 46enne. Per i primi tre il gip ha confermato l’arresto. Gli altri due sono invece liberi dopo la convalida: sono accusati dalla procura di essere le vedette, ma tale ruolo non sarebbe stato provato per il giudice.

Nelle fasi successive all’arresto è emerso inoltre che due soggetti sono risultati positivi al Covid, sono stati trasferiti in una struttura in cui staranno in isolamento. L’esito del tampone per gli indagati ha comportato la quarantena anche per poliziotti che hanno partecipato agli arresti.

L’arresto è maturato nel quartiereSperone”. L’attività di indagine ha permesso di appurare come i pusher avevano messo a punto anche alcuni accorgimenti volti a individuare l’eventuale presenza delle Forze dell’Ordine ed eludere i controlli; infatti, mentre due di loro si dedicavano all’attività di spaccio, gli altri si occupavano sia di “vigilare” un locale poco distante, insistente sulla stessa via, adibito a deposito di stupefacente dove approvvigionarsi alla bisogna, sia a  fare da vedetta durante gli episodi di spaccio.

I poliziotti, eludendo le contromisure dei malviventi, sono riusciti a certificare le diverse cessioni fermando di volta in volta, poco distante dal luogo dello scambio, gli acquirenti dello stupefacente che hanno consegnato la droga acquistata. Dopo aver raccolto sufficienti elementi a carico dei pusher, gli agenti sono entrati in azione, bloccandoli e traendoli in arresto.

Sono state effettuate perquisizioni in alcuni locali di via Mariano Campo e in uno di essi, (quello adibito a deposito di stupefacente dagli odierni arrestati), gli agenti hanno rinvenuto, con l’ausilio delle Unità Cinofile dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, 51 dosi di sostanza stupefacente del tipo crack, risultata poi positiva al controllo narcotest alla cocaina, e denaro di vario taglio per un totale di 445,00 euro. La droga ed il denaro, ritenuto provento dell’attività di spaccio, sono stati posti sotto sequestro.

APPROVATO IL DECRETO RISTORI QUATER

COVID, MUSUMECI A CONTE: “RIENTRI IN SICILIA CON TAMPONE OBBLIGATORIO 

COVID A PALERMO, PROSEGUONO I CONTROLLI SULLA MOVIDA

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI