Orlando-Gelarda

Palermo, “si attende la disponibilità del sindaco”: la strada apre tra le polemiche

In viale Francia, a Palermo, è pronta una nuova ‘bretella’ ma la strada non si apre in attesa delle “disponibilità di sindaco e assessore” per la cerimonia d’inaugurazione. È quanto affermato da Igor Gelarda, capogruppo Lega a Palazzo delle Aquile, e Leonardo Canto, del Gruppo Misto Componente Azione + Europa.

E proprio un paio d’ore dopo tali dichiarazioni, l’assessore Giusto Catania ha annunciato invece che la strada sarà aperta il giorno stesso (giovedì 9 dicembre, ndr.) accusando le forze politiche intervenute sulla vicenda di fare “vergognosa strumentalizzazione” su una comunicazione degli uffici comunali in cui si certificava che la strada era pronta e si attendeva dunque la disponibilità di sindaco e/o assessore per l’evento di inaugurazione. La strada è stata poi aperta nel pomeriggio del 9 dicembre.

La polemica si innesta nella questione delle “lungaggini” per l’apertura di questa arteria stradale: comitati civici sulla mobilità urbana e cittadini lamentavano già da alcune settimane il fatto che la strada – che collega viale Francia e l’area della stazione Francia a via Pietro Nenni – fosse apparentemente pronta ma che ancora non si procedeva alla sua apertura.

 

LE DICHIARAZIONI

“Apprendiamo con sgomento, attraverso una email ufficiale inviata dall’ufficio mobilità alla VI commissione Consiliare, che i lavori del by pass viale Francia/via Ugo La Malfa sono stati completati, ma l’apertura non è ancora avvenuta perché “si attende la disponibilità dell’assessore e/o Sindaco, per l’evento” – dice Gelarda – . Insomma per garantire un taglio di nastro ed una passerella al Sindaco si rinvia l’apertura di un’arteria stradale già pronta da tempo e importante per limitare i disagi degli automobilisti. Una vergogna che getta discredito sull’Amministrazione e i suoi vertici. Per questo chiediamo a RFI, titolare dell’opera, di non prestarsi a strumentalizzazioni politiche e procedere immediatamente all’apertura al traffico, permettendo agli automobilisti di fruire di questa arteria e quindi, di restare un po’ meno tempo intrappolati nel traffico”.

Canto, invece, afferma: “In merito alla nuova strada di collegamento di viale Francia con via Pietro Nenni, su mia sollecitazione l’Ufficio Mobilità ha dato comunicazione alla Sesta Commissione Consiliare che dal punto di vista amministrativo tutto sia pronto per la apertura, e che si attende solo la disponibilità del Sindaco e/o Assessore alla Mobilità per la cerimonia di inaugurazione. Pertanto invito il Sindaco a voler autorizzare immediatamente la apertura, e di rinviare l’evento inaugurale a quando avrà disponibilità di tempo per occuparsene”.

In giornata, a seguito dell’apertura, è intervenuto anche il deputato nazionale M5S Adriano Varrica che ringrazia le istituzioni del settore ferroviario: “Finalmente questo prezioso collegamento, grazie al sinergico lavoro istituzionale dell’ultimo periodo, sarà a disposizione della collettività. Ringrazio in particolare RFI e Italferr per la disponibilità mostrata e volta a superare le varie criticità che si sono presentate in questi mesi”.

LA REPLICA DI GIUSTO CATANIA

Questa la versione dell’assessore comunale: “La ditta incaricata del completamento dei lavori su Viale Francia aveva comunicato che, a causa di perfezionamento dell’impianto di illuminazione la strada non sarebbe stata aperta prima del 13 dicembre. Successivamente, solo in data 7 dicembre, la stessa ditta ha comunicato di aver concluso anticipatamente le attività. Gli uffici hanno verificato stamattina che gli ulteriori lavori da definire, relativi alla piantumazione della vegetazione, non inficiano la fruizione della nuova viabilità; pertanto hanno disposto, in data odierna, l’apertura immediata della strada. Considerato che ieri era giornata di festa non mi pare che si sia sprecato tanto tempo. È vergognosa la strumentalizzazione che alcuni consiglieri hanno fatto delle mail inviate dai funzionari dell’amministrazione comunale che, in perfetta buona fede, pensavano di dover avvertire il sindaco e gli assessori della conclusione dei lavori. Ma evidentemente la smania di fare polemica prevale sul buon senso.”

SIRACUSA, IMPOSTE NON PAGATE: SEQUESTRATO MEZZO MILIONE DI EURO A DUE IMPRENDITORI

CORRUZIONE, TANGENTI A VIGILI E POLIZIA METROPOLITANA: SETTE ARRESTI NEL MESSINESE

INCIDENTE STRADALE NEL PALERMITANO: MUORE UN MOTOCICLISTA DI 39 ANNI

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI