Palermo, riapre il mercato ortofrutticolo: accessi contingentati e su prenotazione

Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando ha firmato un’ordinanza per permettere dall’inizio della prossima settimana di prenotare gli accessi al Mercato ortofrutticolo da parte degli operatori registrati per la ripresa delle ordinarie attività di compravendita (sospese giorno 11 a seguito della comunicazione di alcuni lavoratori positivi al Covid-19 fra i dipendenti dei concessionari).

Il Sindaco ha dunque disposto che l’accesso avvenga in modo contingentato tramite prenotazione, utilizzando lo stesso sistema online elaborato dalla Sispi durante il lockdown, mentre la ASP ha effettuato uno screening completo di tutti i dipendenti comunali e privati che accedono al Mercato.

Ogni giorno potranno accedere 350 produttori locali e 500 compratori, oltre a 100 portantini e carrellisti. Gli accessi saranno scaglionati fra le 3 e le 9 del mattino. La riapertura è condizionata ad alcune procedure obbligatorie; tutto il personale dovrà essere risultato negativo al test sul contagio da COVID-19 o che, nel caso in cui siano stati rilevati casi positivi, bisognerà provvedere alla sostituzione del personale stesso e si proceda alla sanificazione certificata dei locali, previa comunicazione alla Direzione del Mercato. Ai soggetti positivi al Covid sarà inibita la possibilità di ottenere il QR Code per tutta la durata della quarantena e saranno riammessi nell’area solo in presenza di certificazione medica.

I concessionari e i loro dipendenti, per accedere all’area mercatale, dovranno esibire il cartellino anno 2020 e il QR code di registrazione da effettuarsi una sola volta tramite il portale della SISPI. Tale operazione si rende necessaria al fine del tracciamento giornaliero degli ingressi che saranno comunque controllati anche con la misurazione della temperatura.

“Come già avvenuto a marzo – ha detto Leoluca Orlando – gli uffici guidati dall’Assessore Piampiano hanno lavorato senza sosta per trovare una soluzione che garantisca la funzionalità del Mercato, consci del fatto che si tratta di un servizio essenziale e del peso economico che la chiusura comporta. Purtroppo abbiamo assistito in questi giorni ad atteggiamenti e dichiarazioni decisamente inaccettabili, compresi comportamenti minacciosi da parte di alcuni nei confronti del personale comunale. Non posso che ricordare che ci sono stati diversi casi positivi al Covid-19 e chiudere il mercato in via precauzionale era l’unica scelta possibile per garantire la salute dei cittadini e per non interrompere del tutto l’attività a tempo indeterminato”.

CORONAVIRUS: IL BOLLETTINO DELLA SICILIA (15 OTTOBRE)

COVID: FIRMATA L’ORDINANZA REGIONALE

MUSUMECI: “DIPENDENTI REGIONALI? IL 70% E’ INUTILE”

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI