Palermo, troppi avvocati contagiati. L’Agius chiede misure adeguate in Tribunale

L’allarme Covid e la preoccupazione di nuovi contagi, oltre a quelli già certificati, è argomento caldo anche al tribunale di Palermo. L’associazione giuristi siciliani scrive una lettera aperta al presidente del Tribunale di Palermo e al presidente della Corte d’appello per chiedere l’istituzione di un ‘tavolo di crisi’ per garantire maggiori tutele per gli avvocati palermitani.

Il problema sollevato riguarda le udienze in contemporanea, gli assembramenti nei corridoi dei palazzi di giustizia, l’assenza di dispositivi di sicurezza per magistrati e personale. L’Agius ha già raccolto le lamentele di molti avvocati

“In un momento così unico e critico – scrive Francesco Leone, presidente Agius – il mondo della giustizia non è riuscito a fare fronte comune dinanzi alle enormi difficoltà che questa pandemia sta provocando al regolare svolgimento delle attività dei palazzi della Giustizia, vero cuore pulsante della tutela del diritto di difesa”.

“La disorganizzazione è palese – precisa Francesco Leone -. Ogni giorno ci si ritrova ammassati nei corridoi dei palazzi della giustizia, con udienze fissate allo stesso orario, o con una calendarizzazione d’orario che, seppur scaglionata, non viene in alcun modo rispettata. Se nel settore civile, grazie alla riforma, si ha la possibilità di sapere già in anticipo l’orario dell’udienza, nel penale questo non avviene non consentendo, così, agli avvocati di accedere in tribunale solo all’ora stabilita per la trattazione e di gestire nella maniera più sicura l’agenda giornaliera delle proprie udienze”.

“Mentre molti locali sono costretti alla chiusura, nei tribunali palermitani, così come nel resto d’Italia – sottolinea l’Agius – non vengono attuate neanche le primarie misure anticovid, come il distanziamento e il differimento degli orari. Di contro, avevamo già chiesto l’attuazione di alcune misure straordinarie a tutela degli avvocati e di tutto il personale amministrativo presente nei tribunali.vLo strumento della trattazione scritta, così come quello delle udienze da remoto potrebbero essere utilizzati anche negli uffici del Giudice di Pace”.

IL GOVERNO REGIONALE CHIEDERA’ DEROGHE PER LE CHIUSURE DEI LOCALI

SEQUESTRATI 8 MILA PALLET CON MARCH FALSIFICATI

GIORNALE DI SICILIA, DUE GIORNI DI SCIOPERO

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI