Giallo a Palermo, trovato un cadavere in un maneggio: la vittima è un 45enne

Un uomo di 45 anni è stato trovato morto a Palermo in un maneggio (il “Riders Club”, che si trova nell’area di viale Regione Siciliana, nei pressi di “Città Giardino”): la vittima è Solim Ullah, un cittadino originario del Bangladesh, incensurato, da tempo residente nel centro storico del capoluogo con moglie e figli con lavoro e permesso di soggiorno regolari.

Il ritrovamento del corpo senza vita dell’uomo è avvenuto nella mattinata di lunedì 9 agosto, ma l’ora sarebbe da fissare tra le 22 e la mezzanotte del giorno prima (domenica 8 agosto): a trovare il cadavere sono stati proprio i gestori del maneggio. Ancora da chiarire le cause del decesso e per questo motivo i pm hanno disposto l’autopsia, ma sul corpo non vi sarebbero segni di violenza.

Le indagini sono condotte dagli agenti del commissariato San Lorenzo. Da chiarire anche il motivo per cui l’uomo si sia recato dal centro storico in quella zona con il suo motociclo (parcheggiato poco distante) e come sia entrato nel maneggio: chi lo ha ritrovato ha affermato di non conoscerlo ed è stato accertato che non lavorava nella struttura e che nessuno in zona lo aveva mai visto prima.

COVID, IL BOLLETTINO DEL 9 AGOSTO IN SICILIA

RIFIUTI CAOS A PALERMO, BRUCIATE MONTAGNE DI IMMONDIZIA

COVID, IN UN MESE E MEZZO SESTUPLICATI I CONTAGI IN SICILIA

SICILIA, RISCHIO ZONA GIALLA GIA’ AD AGOSTO

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI