Finti morti per truffare le assicurazioni: 6 avevano anche il reddito di cittadinanza

Emergono nuovi dettagli per quanto riguarda la maxi truffa sui risarcimenti assicurativi per decessi fasulli. In tutto sono una dozzina i “finti morti” perfettamente in salute che hanno usufruito del sussidio Inps. Tra questi, ci sono anche sei disoccupati che percepivano il reddito di cittadinanza

Gli indagati sono una cinquantina e sono sei i fermi eseguiti mercoledì per associazione a delinquere, falso e truffa. La banda aveva assoldato un gran numero di “volontari” come sottoscrittori della polizza a vita, per questo gli indagati sono così tanti.

Secondo le stime degli inquirenti il volume complessivo della truffa supera i dieci milioni di euro che finivano nelle tasche dei sei fermati.

Nel corso delle indagini i casi accertati di truffe andate a segno sono venti per un controvalore di 2,7 milioni di euro. Altri raggiri per complessivi cinque milioni di euro sono erano in procinto di essere incassati, mentre per altre decine di polizze sospette gli inquirenti stanno ancora cercando riscontri.

FINTI MORTI PER INTASCARE LA LIQUIDAZIONE, SONO SEI GLI ARRESTI

CORONAVIRUS IN SICILIA, I DATI DELL’8 OTTOBRE

FRODE, SEQUESTRATI 6,5 MILIONI A UN IMPRENDITORE MESSINESE

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI