Parco eolico offshore alle Egadi, gli ambientalisti difendono il progetto: “No ai pregiudizi”

Dopo le polemiche dello scorse settimane, le associazioni ambientaliste prendono posizione a difesa del progetto del parco eolico offshore a largo delle isole Egadi, tra Sicilia e Tunisi. A sottoscrivere una nota congiunta sono Greenpeace, Legambiente e WWF Italia.

Le associazioni ambientaliste si esprimono così sul progetto di Renexia (società della Toto Holding), sulla carta tra i più grandi al mondo: “L’eolico offshore, soprattutto per effetto delle nuove tecnologie flottanti, può dare un importante contributo per la decarbonizzazione del Paese e della Sicilia in particolare, con una ricaduta occupazionale non indifferente”.

Nella nota si sottolinea come continuino “gli attacchi strumentali a queste e alle altre energie rinnovabili, sottovalutando non solo la necessità ma anche l’estrema urgenza, ormai documentata, di dismettere le fonti fossili. Si stanno sollevando pregiudizi e preconcetti prima che si compiano i necessari approfondimenti e studi ambientali”.

“Per la caratura degli investimenti stanziati, per la dimensione e per il respiro complessivo del progetto e per l’importante obiettivo di risultato che potrà contribuire alla mitigazione dell’LCOE (il costo livellato dell’energia) a beneficio delle economie di scala denota rigore e coerenza scientifica, é quindi una proposta che accogliamo favorevolmente”.

PALERMO, SIT-IN DI PROTESTA CONTRO LA ZTL

IMPUGNATE LE VARIAZIONI DI BILANCIO: A RISCHIO L’IMPALCATURA CONTABILE

SPACCIO DI DROGA TRA LA CALABRIA E MESSINA: SETTE ARRESTATI

SIRACUSA, SPACCIO DI DROGA NELLE SCUOLE: 31 ARRESTI

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI