Patti, il procuratore Cavallo: “Nel circondario depuratori vecchi e inadeguati”

Depuratori inadeguati nel circondario di Patti. A sostenerlo è il procuratore di Patti, Angelo Vittorio Cavallo, nel corso di un’audizione presso la Commissione parlamentare d’inchiesta sulle attività connesse al ciclo dei rifiuti e su eventuali illeciti ambientali.

Collegato in videoconferenza, il pm afferma come molte strutture siano sottodimensionate al fine della disinfezione delle acque: “Sono stati progettati per una popolazione molto inferiore rispetto a quella alla attuale che nel periodo estivo arriva a quintuplicarsi”.

Cavallo sottolinea inoltre come i depuratori siano ormai vecchi e soggetti a svariate rotture e che il sistema non permetterebbe la separazione delle acque bianche da quelle nere: basterebbe un semplice acquazzone per creare un forte “collettamento”.

A PALERMO, I FUNERALI DI BURGIO IN FORMA PRIVATA

COVID IN SICILIA, DATI MOLTO FAVOREVOLI NELL’ULTIMA SETTIMANA 

COVID, DA OGGI COPRIFUOCO A MEZZANOTTE

VACCINI, IN SICILIA NUOVO RECORD GIORNALIERO 

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI