Alberto Pierobon

Piano rifiuti, la commissione UE chiede informazioni. Pierobon: “Osservazioni minime”

“Le osservazioni sul nostro piano rifiuti sono minime e confermano che l’impianto regge”. L’assessore regionale all’Energia e servizi di pubblica utilità, Alberto Pierobon esprime soddisfazione per il lavoro svolto in relazione al piano rifiuti regionale, dopo che la Commissione Europea ha fatto una richiesta di chiarimenti.

Pierobon sottolinea: “Se al Lazio chiedono chiarimenti sulle quattro direttive europee, nulla viene detto sul piano siciliano. Stesso discorso sui diagrammi di flusso, ci vengono richiesti solo aggiornamenti statistici del 2018. E sull’impiantistica e sulla legislazione emerge la solidità e la completezza delle argomentazioni del nostro piano. Nel frattempo con gli uffici stiamo ultimando le risposte alle osservazioni del ministero che abbiamo ritenuto fondate e a breve definiremo il testo per procedere all’approvazione finale compatibilmente coi tempi richiesti dalla procedura in Sicilia”.

Sul fronte impiantistica, la Commissione europea ha invece comunicato alla Regione lo sblocco di una sostanziosa parte delle risorse messe a disposizione per gli impianti separati di raccolta e compostaggio e per gli impianti di produzione di rifiuti biodegradabili, che contribuiscono a alzare le percentuali di differenziata. Restano invece sospesi i fondi relativi agli impianti di Tmb e per il percolato, perchè secondo l’Ue in sostanza non rientrano nell’iter della raccolta differenziata ma restano legati al conferimento in discarica. A livello economico si tratta comunque di una parte di risorse di gran lunga inferiore rispetto al passato. L’amministrazione avrà comunque sei mesi di tempo per rispondere alla decisione della Commissione.

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI