Benedetto Della Vedova.
Benedetto Della Vedova.

Più Europa si prepara per le elezioni, Della Vedova: “La Sicilia non scommette sulla paura”

A Palermo c’è stata la visita di Benedetto Della Vedova, segretario nazionale di Più Europa, per preparare la competizione elettorale delle Europee. Nella sede del comitato, insieme a Dalla Vedova, c’è Fabrizio Ferrandelli (ex candidato sindaco): in collegamento Skype Emma Bonino.

“Credo che la Sicilia abbia dato una dimostrazione straordinaria di civiltà e rispetto delle persone, da Lampedusa, a Pozzallo a Palermo – ha detto il politico di Sondrio – siamo qui per dimostrare che c’è un pezzo di Sicilia che il 26 maggio alle elezioni europee sceglie di non scommettere sulla paura. Purtroppo abbiamo un ministro dell’Interno che fa propaganda sulla pelle di qualche decina di persone e che poi nemmeno si presenta a Bruxelles per cercare di avere una politica europea dell’immigrazione, o per avere una polizia di frontiera e una guardia costiera europea in grado salvare migranti nel Mediterraneo”.

Salvini verrà in Sicilia a dire che vi salverà dall’invasione, è un messaggio che sta funzionando, ma non credo che il destino della Sicilia si giochi sul fermare un’invasione che non c’è, se mai ci sia stata, il destino della Sicilia si gioca sul libero scambio con Africa e il Mediterraneo. Salvini e Di Maio attaccano l’Europa perché troppo liberale e perché testimonia che si può governare nel rispetto dei diritti. Noi ci aspettiamo un risultato importantissimo dalla Sicilia per le elezioni europee”.

Della Vedova si mostra critico sulla visita del presidente cinese. “Credo che Palermo abbia fatto male a ricevere il premier cinese Jinping così come lo ha ricevuto e a fare accordi: questi vanno fatti in una cornice europea se vogliamo restare sovrani. In Francia e negli altri Paesi gli incontri avverranno alla presenza di un commissario europeo, perché hanno capito come tutelare il loro commercio e gli investimenti, in una cornice da pari a pari. Non dimentichiamo che i turisti a Palermo vengono e tornano se ci sono gli investimenti”.

Poi la solidarietà a Chiara Natoli, l’attivista di Libera. “Siamo totalmente solidali con Chiara Natoli, alla quale è stata incendiata la propria macchina. Occorre credere nella legalità, per questo diamo la nostra solidarietà a quegli imprenditori siciliani che vogliono investire sul capitale umano siciliano e operano nella legalità e nel rispetto delle regole”.

Sul fronte dell’immigrazione, Dalla Vedova ha precisato che “chiediamo una politica europea diversa con una polizia di frontiera comune, contro l’egoismo di certi Stati e di chi fa propaganda come Salvini e la Le Pen”.

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI