Pnrr, Musumeci: “Draghi avrebbe fatto bene a sentire le regioni. Deficit di democrazia”

Il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, è stato intervistato su Sky Tg24 e ha commentato la recente bocciatura dei 31 progetti di investimento presentati dalla Sicilia per la selezione dei Progetti irrigui sul PNRR.

Il presidente Draghi avrebbe fatto bene a sentire le regioni – afferma – . C’è stato un grave deficit di democrazia. Come si fa a inserire in un piano iniziative infrastrutturali senza aver concordato con i governatori quali sono le priorità. Temo che nei palazzi romani abbiano fatto una scrematura di progetti vecchi, per quelli della Sicilia addirittura del 2001-02, dando all’Europa l’idea di una pianificazione. Sono progetti raccogliticci e messi assieme, alcuni della legge obiettivo del 2002″.

“Non siamo mai stati convocati dal Governo e solo dopo aver letto dai giornali l’elenco delle opere qualche ministro ha scritto ‘se avete progetti mandateli’. Sarebbe stato utile – ha aggiunto – che lo Stato ci avesse dato dei progettisti capaci di progettare opere in sei mesi e non in sei anni come accade oggi. Non è in questo modo che si opera per ridurre il divario Nord-Sud“.

Oggi intanto si è svolto un incontro in Terza Commissione Attività produttive sull’esclusione dei progetti siciliani finanziabili con il PNRR. Secondo l’assessore regionale all’Agricoltura, Toni Scilla, “è stato accertato il corretto inserimento dei progetti, quasi tutti esecutivi, sulla piattaforma dedicata DANIA. Ribadiamo il mancato accordo tra il Ministero e la Regione sui 23 parametri che ne hanno determinato l’esclusioneÈ venuto meno un preventivo confronto per valutare le esigenze e le necessità specifiche delle nostre infrastrutture e, quindi, individuare criteri di valutazione più congrui alle nostre caratteristiche. Si tratta di parametri che vanno rivisti e resi meno stringenti per la Sicilia che ha le sue specificità. È proprio per trovare una possibile soluzione che mercoledì prossimo a Roma incontrerò il ministro Patuanelli.

SEQUESTRATA UNA PIANTAGIONE CON MILLE PIANTE DI CANAPA: DUE ARRESTI NEL CATANESE

TRUFFA ALLO STATO, SOSPESI TRE IMPRENDITORI MESSINESI

ZONA ARANCIONE A FRANCOFONTE: NUOVA PROROGA

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI