treni intercity
treni intercity

Pochi treni in Sicilia rispetto alla Calabria: intervenga Musumeci e il Governo regionale

Il Governo siciliano intervenga per aumentare le corse a lunga percorrenza nel territorio siciliano. Lo chiede l’associazione Ferrovie Sicilliane dopo aver appreso la notizia che la Regione Calabria ha richiesto e ottenuto dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti la fermata a Gioia Tauro per l’InterCity Palermo-Siracusa-Roma, così come auspicato dall’assessore alle Infrastrutture della Regione Calabria, Roberto Musmanno.

L’Associazione Ferrovie Siciliane ritiene che l’inserimento di questa ulteriore fermata calabrese, già programmata a partire da febbraio 2019, comporterà un’ulteriore allungamento dei tempi di viaggio dei nostri treni. Inoltre potrebbe contribuire a rendere ancora più esigua la disponibilità di posti per i siciliani a bordo di due tra i treni più frequentati che transitano in Sicilia. Ll’InterCityNotte Siracusa/Palermo-Milano, ad esempio, effettua ben 15 fermate tra Villa San Giovanni e Salerno e solo 7 tra Siracusa e Messina.

“È indispensabile che il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, e l’Assessore alla Mobilità e Trasporti, Marco Falcone, intervengano prontamente per scongiurare questo nuova modifica dannosa per i viaggiatori siciliani, che andrà a favorire soltanto il territorio calabrese già oggi abbondantemente servito da ben 18 collegamenti nazionali giornalieri, tra cui le veloci Frecce di Trenitalia, ovvero 4 coppie di InterCity, 1 coppia di InterCityNotte, 2 coppie di Frecciabianca, 2 coppie di Frecciargento”, scrive l’associazione.

Categorie
economia
Facebook

CORRELATI