Premio Nobel per la Pace per Lampedusa? Il sindaco: “Fuori dall’Italia si accorgono di noi”

Il sindaco di Lampedusa Salvatore Martello (detto Totò), a Radio Cusano Campus, ha parlato della proposta del Premio Nobel per la Pace all’isola siciliana:

“Fuori dall’Italia si accorgono di quello che stiamo facendo, è in Italia che non riusciamo a fare capire qual è la funzione che ha Lampedusa e qual è il peso che gli è stato affidato per quanto riguarda l’immigrazione. Ormai nella vita dei cittadini è diventata una consuetudine, è dal 1993 che abbiamo a che fare con questo fenomeno delle migrazioni. La gente inizia a incavolarsi solo quando c’è un sovraffollamento, o come nel 2009 e 2011 quando ci sono state le primavere arabe e c’erano sbarchi continui. Quando arrivano sub sahariani si capisce subito che è gente che scappa da qualcosa di drammatico. In questo periodo, dal 2017 in poi abbiamo avuto un certo numero di tunisini che creavano problemi di ordine pubblico, si facevano arrestare apposta per essere trasferiti ad Agrigento e poi scappare in attesa del processo”, ha affermato.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI