Previdenza, Sicilia ultima in Italia per numero di pensioni private: i dati dell’Inps

Sicilia ultima in Italia per numero di pensioni private: è quanto emerge dai dati del bilancio sociale Inps per il 2018 presentato, a Palazzo dei Normanni, dal direttore regionale dell’Istituto, Sergio Saltalamacchia, dal presidente del comitato regionale Girolamo Binaggia e dal presidente del comitato di indirizzo e vigilanza nazionale Guglielmo Loy.

In Sicilia, infatti su un totale di 1.027.170 i pensionati tra pubblici e privati, il numero di pensioni previdenziali nell’ambito della gestione privata è di 785.214 in totale (ultimo posto in Italia e 36.733 trattamenti in meno nel quadriennio 2015-2018): 171 ogni mille residenti, 179 nel Lazio e 180 in Campania. Inoltre in Sicilia si ha l’importo medio pensionistico più basso per i trattamenti d’invalidità (641,22 euro contro 705,95 euro del dato nazionale); penultimo posto invece per gli importi di quelli di vecchiaia e superstiti.

Sul fronte delle pensioni che gravano sui fondi della gestione pubblica (241.956), il 68% è rappresentato da pensioni di vecchiaia/anzianità, il 24% da quelle ai superstiti e l’8% dalle pensioni di invalidità. A differenza delle gestione privata, l’isola, rispetto alle altre aree geografiche del Paese, presenta l’importo medio più basso nella categoria vecchiaia e superstite, mentre nelle altre tipologie l’importo è superiore rispetto alle altre aree del Paese. In particolare, per quelle di anzianità l’importo medio in Sicilia è prossimo a quello dell’area Sud (2.248,43 euro rispetto a 2.248,89 euro), che risulta il più alto a livello nazionale.

Categorie
economia
Facebook

CORRELATI