Processo Montante, interrogato Carmelo Turco: “Mai agevolato dal leader di Confindustria”

L’assunzione di Linda Vancheri in Confindustria Sicilia è stata al centro dell’udienza preliminare del processo Montante – bis, caratterizzata dall’interrogatorio di Carmelo Turco, imprenditore leader della organizzazione degli industriali. La Vancheri sarebbe stata assunta quando era ormai chiaro che sarebbe diventata assessore regionale del Governo Crocetto con lo scopo di beneficiare dei rimborsi della Regione.

“Non sapevo nulla della sua nomina – ha detto Turco – e quando nel 2015 furono chiesti i rimborsi, cioè tre anni dopo l’assunzione, il presidente era Marco Venturi”. Turco ha detto di avere appreso dai giornali delle indagini a suo carico che gli costarono la revoca dei contratti con l’Eni con il conseguente licenziamento di circa 300 lavoratori.

Carmelo Turco ha anche aggiunto di non essere mai stato agevolato dall’amicizia con Antonello Montante: “La mia famiglia aveva contratti con l’Eni già da quattro generazioni”. Sulle accuse di avere finanziato illecitamente la campagna elettorale del presidente della Regione Crocetta, Turco ha specificato di avere effettuato un bonifico di 5.000 euro, regolarmente dichiarato”.

PALERMO, ANELLO ANNUNCIA LA PROPRIA AUTOSOSPENSIONE DA COORDINATORE DELLA LEGA

PROPONE TANGENTE A UN FUNZIONARIO DELLA REGIONE, AI DOMICILIARI UNA MUSICISTA PALERMITANA

VITTORIA, INCENDIO IN UNA SEGHERIA PER IMBALLAGGI: INDAGANO I CARABINIERI

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI