Prorogato al 15 dicembre il bando per l’assegnazione dei beni confiscati

L’Agenzia nazionale per i beni confiscati ha prorogato al 15 dicembre i termini del bando per l’assegnazione diretta in Sicilia degli immobili confiscati.

L’Agenzia si è impegnata a completare le operazioni di sgombero degli immobili tuttora occupati e ad estendere al 30 novembre il termine ultimo per lo svolgimento dei sopralluoghi, inizialmente fissato il 20 ottobre.

La notizia è stata commentata con soddisfazione dal presidente della Commissione antimafia siciliana Claudio Fava che due giorni fa aveva scritto al direttore dell’Agenzia e al Ministro dell’interno per segnalare lo stato di molti dei beni messi a bando (molti dei quali fatiscenti o abusivi o persino occupati abusivamente).

“Quaranta giorni in più – ha detto Fava – serviranno a mettere il bando nazionale dell’Agenzia nella condizione di centrare l’obiettivo: assegnare ad associazioni no profit immobili e terreni confiscati a cosa nostra, evitando il loro definitivo deperimento”.

I dettagli del Bando nazionale che ha messo a disposizione di enti non profit oltre 1.400 beni in tutta Italia, sono all’indirizzo https://www.benisequestraticonfiscati.it/news/primo-bando-anbsc-per-l-assegnazione-diretta-di-beni-confiscati-ai-soggetti-del-terzo-settore-individuati-oltre-1-000-lotti-per-un-totale-di-1-400-particelle

ELEZIONI AMMINISTRATIVE: I SINDACI ELETTI E I BALLOTTAGGI

CORONAVIRUS, IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DEL 6 OTTOBRE 2020

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI