Provenzano al Senato: “Con il Recovery Fund in arrivo 50 miliardi per il Mezzogiorno”

Importanti dichiarazioni del ministro per il Sud Giuseppe Provenzano che è stato ascoltato in Commissione Bilancio e Politiche europee del Senato. “Rischiamo di arrivare a fine anno con 600-800 mila posti di lavoro in meno al Sud, secondo quanto dice lo Svimez”.

“In base all’ultima interlocuzione con la Commissione Ue – ha proseguito Provenzano – a fronte di una quota del Recovery Plan di circa 65 miliardi avremo una quota di 43 miliardi di fondi strutturali europei per il ciclo 2021 – 2027, specie per le aree meno sviluppate. In più il cofinanziamento regionale e nazionale per programmi operativi porta il totale a 80 miliardi. Di questi almeno 50 sarebbero destinati al Mezzogiorno. Per il ciclo di programmazione 2021-2027 avremo l’1,5% di Pil in più per il Sud, considerando anche il Recovery Plan”.

Sull’ipotesi tornato di moda della realizzazione dello Stretto di Messina, Provenzano, nel ribadire che non ha nessun pregiudizio ideologico, ha sostenuto che “il progetto è incompatibile con i tempi del Recovery Fund e chi dice il contrario non ha letto le carte della Commissione” Ue. Il progetto del ponte è stato storicamente il grande alibi per non realizzare infrastrutture nel Mezzogiorno, non bisogna aspettare il ponte per avere l’Alta velocità in Sicilia o per portarla in Calabria”.

UMECI FIRMA LA NUOVA ORDINANZA CON MISURE PIU’ RIGIDE

CORONAVIRUS IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DEL 27 SETTEMBRE 2020

VILLAFRATI, TORNA L’INCUBO: ACCERTATI 16 NUOVI CASI DI POSITIVITA’

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI