Valentina-Palmeri

Psr 2014-20, interrogazione M5S all’Ars: “Quali criteri sono stati seguiti dalla Regione?”

Valentina Palmeri, deputata regionale del Movimento 5 Stelle, ha presentato un’interrogazione all’Ars per conoscere l’iter procedurale relativo alla misura 6,1 aperta ai giovani imprenditori.

L’atto scaturisce dalle notizie di stampa secondo cui ci sarebbe stata una mancata verifica, da parte della Regione, del punteggio auto-attribuitosi da 999 aziende per entrare nella graduatoria del bando da 235 milioni di euro, destinato all’agricoltura siciliana.

“Molte aziende – ricostruisce Palmeri – sono rimaste fuori dalla graduatoria definitiva pubblicata lo scorso anno. L’assessorato regionale dell’Agricoltura ha quindi sospeso gli effetti della graduatoria e riaperto i termini per 30 giorni, per un riesame delle istanze. Il risultato è stato uno stravolgimento della graduatoria con ricorsi al Tar da parte di aziende che si sono sentite penalizzate. Il Tar avrebbe puntato il dito sulle mancate verifiche dei punteggi da parte della Regione. Il Cga, a seguito del ricorso in appello della Regione, sospendeva l’ordinanza del Tar. Una vicenda complessa e che somiglia a un rebus: non si capiscono i criteri di assegnazione delle risorse e quindi chiediamo che sia il governo a fare la dovuta chiarezza in aula”.

Secondo il senatore pentastellato Fabrizio Trentacoste, componente della commissione Agricoltura del Senato, “tanti giovani agricoltori siciliani sono stati lasciati in balia dei pasticci di una classe dirigente evidentemente non all’altezza. Bisogna urgentemente far chiarezza su come siano stati riassegnati i fondi PSR 2014-2020 per la cosiddetta misura 6.1. Con i soldi pubblici non si scherza, a maggior ragione quando questi si rivelano indispensabili per la stessa sopravvivenza delle imprese agricole nella nostra Isola”.

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI