“Quelli della R4 sono a Mazzarino, senza permesso”: la denuncia del sindaco

Tornano alla “ribalta”… quelli della Renault 4 di Aci Trezza. L’auto (immortalata diversi giorni fa mentre attraversava lo Stretto) è stata infatti avvistata a Mazzarino, così come denunciato dal sindaco del comune nisseno, Vincenzo Marino, che nel suo bollettino giornaliero pubblicato sul profilo Facebook, afferma che (a dispetto di quanto auto-dichiarato dai ragazzi) non esisterebbe alcuna autorizzazione per il loro spostamento.

Il gruppo di ragazzi (tra loro anche artisti di strada) era dal 23 marzo ad Aci Trezza per la quarantena, ma dopo 15 giorni si sono spostati nel comune nisseno: “Mi hanno avvisato della cosa e mi sono precipitato per controllare personalmente – afferma il sindaco -. La macchina e i ragazzi si trovavano in un terreno in campagna: ho chiamato i carabinieri, che sono intervenuti e hanno identificato i soggetti. Erano proprio loro! Abbiamo chiamato la Prefettura, abbiamo sanzionato i soggetti e li abbiamo messi in isolamento per una nuova quarantena; saranno anche sottoposti a tampone”.

E Vincenzo Marino sottolinea: “I signori dicono che c’erano problemi umanitari perché ad Aci Trezza erano in 8 in una stanza e, che sostenendo di avere già le autorizzazioni, hanno deciso di trasferirsi in questo terreno, conoscendo il proprietario, che li ha accolti. Noi di autorizzazioni non ne abbiamo viste: abbiamo visto solo la loro autocertificazione, in cui affermano che dovevano venire nella nostra città. É stato un pomeriggio assurdo, ma posso garantire che siamo intervenuti prontamente”.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI