Rap Palermo, ipotesi Celico. Norata: “Differenziata? Senza strumenti non si può fare”

Sullo sfondo della crisi politica al Comune di Palermo (con l’addio degli assessori Costumati e Piampiano) si inizia a ragionare sulla nuova governance della Rap e il nome che spunta come possibile presidente Roberto Celico, indicato come uomo del PD di Orlando e che già era stato in lizza per il ruolo di direttore generale (poi Norata gli preferì Li Causi).

E proprio oggi Norata – intervistato dal Giornale di Sicilia – commenta in modo franco la situazione legata all’azienda e al servizio: “Non c’è stata una visione sulla Rap. La differenziata? Non si possono chiedere sacrifici ai cittadini senza gli strumenti. Gli extra-costi? La gestione Norata li ha contenuti”.

Sul fronte meramente politico e di rapporti con l’amministrazione, dice: “Orlando? Non mi risponde al telefono da tempo perché ho alzato la voce. Aveva assunto degli impegni nei confronti della Rap, non di Giuseppe Norata. Impegni assunti e mai mantenuti. Divorzio consensuale? Sì […] ma ha voluto fare lo strappo per prendersi la ribalta. Ormai è andata. Sono sereno, torno al mio posto all’università”.

MAFIA, 14 ARRESTI PER LA SPARATORIA DI LIBRINO

DUE NUOVE ZONE ROSSE IN SICILIA

ITALIA VIVA LASCIA LA GIUNTA COMUNALE

IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DEL 19 APRILE 2021

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI