Razza: “Opposizioni senza vergogna provano a mistificare l’esito della parifica”

“Una opposizione senza vergogna prova a mistificare l’esito della parifica. Qualcuno spieghi a Fava, Sammartino e ai grillini che il maggior disavanzo non è un buco di bilancio e risale a precise responsabilità politiche”.

Ruggero Razza, assessore regionale alla Sanità ma anche uno degli uomini più vicini al governatore Musumeci, scende al fianco del presidente e rimanda al mittente le critiche delle opposizioni, scatenatesi dopo il giudizio di parifica della Corte dei Conti che ha scoperchiato una situazione economica davvero disastrosa per la Regione Siciliana.

“Le opposizioni – aggiunge Razza – pensino alla contestazione sui 53 milioni di euro sottratti dal governo Crocetta all’Irfis per fare spesa corrente. Questo governo riporterà in regola i conti della Regione. Ma almeno stiano zitti quelli che hanno contributo più di tutti ad errori ed orrori”.

Alessandro Aricò, capogruppo all’Ars di Diventerà Bellissima, ritiene che “addebitare al governo Musumeci la responsabilità della situazione finanziaria è un falso storico. Le vere cause sono da ricercarsi in decenni di cattiva amministrazione, sprechi, omissioni e peggio ancora: una buona parte del disavanzo, infatti, è venuta alla luce grazie a un’operazione verità fortemente voluta proprio dall’attuale governo regionale. È stata la nostra serietà ad imporci di fare chiarezza sui conti della Regione. Con l’attuale governo regionale c’è stata una inversione di tendenza rispetto al passato. Le opposizioni hanno la faccia tosta di puntare l’indice accusatorio chiedendo a gran voce le riforme. Peccato, invece, che la faccia non la mettano quando si tratta di votarle, anzi ricorrono al voto segreto come ad esempio è avvenuto su quella dei rifiuti. È paradossale che gli attacchi giungano anche da chi – ad esempio il collega Sammartino – sia stato correo della fallimentare esperienza del governo Crocetta a trazione Pd”.

I deputati regionali dell’Udc difendono il Governatore: “Il Governo Musumeci ha posto in essere le azioni utili a mettere in sicurezza i conti della Regione. Non c’è alcuna bocciatura da parte della Corte dei Conti sull’operato dell’esecutivo e ciò si evince anche dalle parole pronunciate dal Procuratore in sede di parifica quando riferisce che il disastro finanziario parte dal lontano 1994. Siamo al lavoro da oggi stesso per ripianare il disavanzo indicato dalla magistratura contabile entro fine anno. L’Ars si dovrebbe determinare entro pochi giorni. Respingiamo ogni mistificazione sui conti della Regione che è finalizzata a delegittimare il nostro governo. Abbiamo agito in questi due anni con trasparenza e responsabilità per dare garanzie certe sui conti pubblici regionali”.

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI