reddito di cittadinanza

Reddito di cittadinanza abolito entro il 2024, poi una nuova riforma: ecco come cambia

Con la manovra arrivano cambiamenti anche al reddito di cittadinanza. Il nuovo governo si prepara a salutare l’aiuto economico che sarà totalmente abolito nel 2024.

Prima di questo momento, però, sarà osservato un periodo definito “transitorio” fatto di controlli più intensi sui percettori per evitare i furbetti.

“Il reddito – scrive il Mef – sarà abrogato il 1 gennaio 2024 e sarà sostituito da una nuova riforma. Previsto un risparmio di 734 milioni per il 2023”.

Intanto dal 1 gennaio 2023 – per le persone dai 18 ai 59 anni – il reddito avrà limite massimo di 8 mensilità, invece delle attuali 18 rinnovabili.

Previsto inoltre un periodo di 6 mesi di formazione, senza cui decade il diritto al sostegno economico. Una mossa che potrebbe far discutere. In un’intervista alla Stampa, il sottosegretario all’Attuazione del Programma, Giovanbattista Fazzolari, parla del rischio di “perdere consenso”

GIRO DI USURA NELL’ENNESE CON TASSO FINO AL 200%: ARRESTATI DUE FRATELLI, INDAGATE 20 PERSONE

PIAZZA DI SPACCIO A CONDUZIONE FAMILIARE: 8 ARRESTI A GRAVINA DI CATANIA / I NOMI

MAFIA E USURA NEL PALERMITANO, 10 CONDANNE COL RITO ABBREVIATO: TORNA LIBERO IL BOSS SCADUTO

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI