Reddito di Cittadinanza, maxi inchiesta nel messinese: 102 persone denunciate

Sono in totale 102 le persone denunciate nell’ambito di una maxi inchiesta sui “furbetti” del reddito di Cittadinanza coordinata dalle Procure di Messina, Patti e Barcellona Pozzo di Gotto: i soggetti indagati sono accusati aver percepito indebitamente il beneficio e per loro è già stata attivata la procedura di sospensione e revoca.

Nello specifico: 32 uomini e 30 donne sono stati denunciati a Messina; 14 uomini e 5 donne sono state segnalati alla Procura di Barcellona Pozzo di Gotto; 5 uomini e 6 donne sono stati invece segnalati alla Procura della Repubblica di Patti. Le somme incassate illegittimamente ammonterebbero a oltre 600 mila euro.

In molti casi l’accusa è di intascare il sussidio pur essendo sottoposti a misure cautelari (e dunque di non avere informato l’Inps di tale circostanza). Altri avevano invece avrebbero omesso di comunicare che uno dei componenti del nucleo familiare era sottoposto a misura cautelare. Altri ancora avrebbero dichiarato il falso sulla circostanza di risiedere in Italia da almeno 10 anni o sul numero di componenti del nucleo familiare.

IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DELL’8 SETTEMBRE 2021

I DATI ANALITICI DELLA SICILIA, 8 SETTEMBRE 2021

BRONTE, UCCIDE LA MOGLIE E TENTA IL SUICIDIO

REGIONE, VIA LIBERA A NUOVI CONCORSI: 1.400 POSTI DISPONIBILI

DA PALERMO A MONZA, LO SPOT DELLA RED BULL – VIDEO

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI