pronto il collegato

Regione, domenica i ballottaggi e poi le trattative per il rimpasto di Governo

Rimpasto nel Governo regionale, sì o no? Probabilmente sì, certamente sarà questo l’argomento “caldo” appena sarà ultimato lo spoglio dei ballottaggi di domenica prossima.

Le amministrative hanno ovviamente ridisegnato nuovi scenari e non è da escludere che la Giunta Musumeci possa subire qualche scossa tellurica.

Forza Italia, che esce rafforzata dalle ultime amministrative, spinge per qualche cambiamento, ipotizzato (ma non riuscito) nel recente passato ma ritenuto indispensabile per questioni soprattutto geografiche, nel tentativo di dare “equilibrio” a un Governo troppo sbilanciato sulla Sicilia Orientale. 

In pole position per entrare in giunta ci sono Toni Scilla, che rappresenterebbe il territorio trapanese, e uno tra Vincenzo Giambrone e Riccardo Gallo in rappresentanza della provincia di Agrigento. E ancora un volta vengono dati per probabili “uscenti” Bandiera e Grasso (che attualmente è l’unica donna al Governo). 

Ma in realtà, come sempre avviene quando si partorisce un rimpasto, si sa come si inizia ma non si sa come finisce: nel senso che le trattative potrebbero allargarsi ad altri partiti e ad altri assessori perché sul tavolo regionale finirà la questione del fallimento del click day, la gestione dei rifiuti e anche la sconfitta elettorale della Lega che ormai è in via di rottura con Diventerà Bellissima di Musumeci, come ha confermato nelle ultime ore il segretario regionale Stefano Candiani.

FORZA ITALIA FORTIFICA IL CENTRODESTRA E GUARDA ALLE REGIONALI

CORONAVIRUS, IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DELL’11 OTTOBRE

 

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI