contrasto agli incendi rinnovato il protocollo d'intesa

Regione, in rete dal 15 ottobre un nuovo portale per la presentazione delle istanze

Altro passo avanti nel percorso di digitalizzazione della Pubblica amministrazione regionale e della trasparenza delle procedure amministrative. Il dipartimento Territorio e ambiente, guidato dell’assessore Toto Cordaro, sta per mettere online il nuovo portale – realizzato con risorse interne – che consentirà di trasmettere per via telematica ogni tipo di istanza: dalla Via-Vas alla Valutazione d’incidenza, all’Autorizzazione integrale ambientale. Sarà in rete dal quindici ottobre e, a partire dal primo gennaio del 2020, costituirà lo strumento esclusivo per presentare le richieste.

“E’ un nuovo, importante step – sottolinea il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci – per rendere il nostro apparato burocratico moderno, funzionale, trasparente e pienamente al servizio del cittadino che, in tal modo, oltre a risparmiare tempo prezioso, avrà la possibilità di seguire, passo dopo passo, le proprie pratiche avendo certezza anche sui tempi di risposta”.

Il portale – indirizzo https://si-vvi.regione.sicilia.it – consentirà di visualizzare le principali fasi di ogni procedimento in corso e di inviare, eventualmente, osservazioni o opposizioni, secondo la specifica tipologia di procedura cui è assoggettata l’istanza presentata.

“Interagire direttamente con l’utenza – spiega l’assessore Cordaro – diventa fondamentale anche per accelerare i procedimenti amministrativi che spesso finiscono per ingolfarsi proprio per la difficoltà di mantenere un confronto costante tra chi avanza l’istanza e chi deve esaminarla. Siamo già impegnati a eliminare tutto l’arretrato esistente e, al di là del grande lavoro che gli uffici e la nuova Commissione Via-Vas stanno svolgendo, potremo d’ora in poi contare su uno strumento preziosissimo per evitare l’accumulo delle pratiche”.

Sul portale sarà possibile, inoltre, trovare le linee guida e una apposita modulistica per presentare correttamente online le domande, evitando così che queste vengano precocemente respinte per carenza o assenza di informazioni.

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI