Regione, la Corte dei Conti boccia il nuovo contratto della dirigenza

Niente rinnovo di contratto per la dirigenza della Regione Siciliana. La bocciatura al documento relativo al triennio 2016-2018 arriva dalla Corte dei Conti: la magistratura contabile (in sede di motivazione) sottolinea “la mancata compatibilità finanziaria ed economica” con gli attuali strumenti di programmazione e di bilancio. Una decisione che scatena il malconento dei sindacati, che chiedono ora spiegazioni (e soluzioni) alla Regione visto anche che l’accordo con l’Aran era stato raggiunto l’autunno scorso dopo lunghe trattative.

Le segreterie regionali di Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl, Cobas-Codir, Sadirs e Ugl affermano: “Si tratta di una gravissima violazione dei diritti di un’intera categoria di lavoratori, ad oggi l’unico comparto della pubblica amministrazione di tutta Italia a scontare ben due bienni di ritardo e ad attendere da oltre 15 anni il rinnovo contrattuale. La Regione trovi al più presto una soluzione per non far scontare ai lavoratori le conseguenze della devastante parifica del rendiconto del 2019, la cui partita non sembra essersi chiusa”.

“Questa bocciatura rischia di compromettere il buon funzionamento della macchina amministrativa regionale proprio in un periodo in cui è importante che la struttura funzioni nel migliore dei modi. Lo abbiamo ribadito più volte: non vogliamo discutere soltanto di aspetti economici, ci interessa il confronto sul progetto complessivo di burocrazia regionale, da qui al 2030 e oltre. Dobbiamo gettare le basi per una nuova Regione”, concludono le organizzazioni sindacali.

A prendere posizione sono anche Giuseppe Badagliacca e Angelo Lo Curto del sindacato Siad-Csa-Cisal: “La Corte, nel rimarcare il mancato rispetto dell’accordo tra lo Stato e la Regione relativo al ripiano del disavanzo sottoscritto il 14 gennaio 2021, quindi dopo la sottoscrizione del contratto stesso, ha censurato anche la carenza delle condizioni di compatibilità economica della crescita dell’0,48% per il trattamento economico accessorio con gli attuali strumenti di programmazione e bilancio. Adesso il Presidente della Regione e l’Aran Sicilia decidano, così come previsto dalla legge, se sottoscrivere definitivamente il contratto oppure riaprire le trattative con le organizzazioni sindacali. In ogni caso, riteniamo indispensabile e urgente accelerare le procedure anche per il riordino della pubblica amministrazione regionale, per dare risposte concrete al personale dirigente e alla collettività”.

MAFIA, ALTRO BLITZ A PALERMO: OTTO ARRESTATI / NOMI

COVID, DUE NUOVE “ZONE ROSSE” IN SICILIA

TRAGICO INCIDENTE STRADALE NEL RAGUSANO: DUE MORTI

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI