Regione, si lavora per salvare la Fornace Penna a Scicli. Musumeci: “Fare presto e bene”

“Fare presto e bene”. Questo l’obiettivo del presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, ribadito questa mattina al termine della riunione convocata per mettere in sicurezza e salvare la Fornace Penna, nel territorio di Scicli. All’incontro a Palazzo Orleans hanno partecipato una delegazione del Comune di Scicli, guidata dal sindaco Enzo Giannone, insieme al soprintendente ai Beni culturali di Ragusa Giorgio Battaglia, presenti anche i deputati regionali Orazio Ragusa, presidente della Commissione Attività produttive, e Stefania Campo.

L’antico stabilimento di contrada Pisciotto, costruito sul mare tra il 1909 e il 1912 per volere del barone Penna, diventato un monumento di archeologia industriale e reso ancora più celebre nel mondo attraverso la fiction del “Commissario Montalbano”, versa in condizioni precarie e le ondate di maltempo che interessano la Sicilia rischiano di danneggiarlo irreparabilmente. il governatore ha affidato alla Soprintendenza il compito di redigere entro una settimana una compiuta relazione da trasmettere all’ufficio legale regionale per valutare le procedure da avviare.

Nel corso dell’incontro tecnico si è convenuto infatti sulla necessità, condivisa da tutti, di intervenire con celerità per evitare ulteriori danni alla struttura. Il sindaco di Scicli ha suggerito il percorso della compravendita per consentire alla Regione Siciliana di acquisire il bene dalla proprietà privata, ma la moltitudine dei proprietari e, soprattutto, i pregressi contenziosi e le ipoteche che gravano sul bene orientano il governo regionale verso la procedura espropriativa per fare presto e salvare il salvabile.

Il presidente della Regione Musumeci sottolinea: “La Fornace Penna è un monumento, noto ormai nel mondo, che ricade su di un’area che conserva molteplici testimonianze storiche e archeologiche. Salvarlo dal degrado e valorizzarlo è un dovere. Stiamo valutando tutte le ipotesi che ci possano consentire di avere la titolarità dell’area e intervenire sul manufatto. La Fornace è un bene prezioso e può diventare un centro culturale e sociale di attrazione ”.

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI