scala dei turch

Riapre la Scala dei Turchi, terminati i lavori di messa in sicurezza

La suggestiva spiaggia della Scala dei Turchi di Realmonte, nell’Agrigentino, da oggi – giovedì 8 agosto –  viene restituita a siciliani e turisti. Sono, infatti, terminati i lavori di messa in sicurezza del litorale effettuati dall’Ufficio contro il dissesto idrogeologico nell’Isola, guidato dal presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci.

“Riconsegniamo alla pubblica fruizione – ha sottolineato il presidente Musumeci – con un ingresso pedonale sicuro, una delle spiagge più incantevoli della Sicilia e meta di bagnanti provenienti da tutto il mondo. Prosegue senza sosta la nostra attività di tutela e valorizzazione del territorio. Abbiamo messo in sicurezza il luogo, abbiamo evitato che la frana potesse continuare ad alimentarsi e, naturalmente, terremo sotto controllo questa particolare area della nostra costa agrigentina”.

“La giornata di oggi – ha detto l’assessore Toto Cordaro – costituisce la cartina di tornasole del metodo usato dal governo Musumeci: finanziamento, progettazione e realizzazione. In pochissimo tempo abbiamo restituito, con un’opera interamente concepita e realizzata dal nostro governo, uno degli angoli della Sicilia più famosi nel mondo alla fruizione sicura di cittadini e turisti”.

Scala dei Turchi, il costone di marna bianca – roccia sedimentaria di natura calcarea e argillosa dal caratteristico colore – è ormai da alcuni anni una delle mete turistiche obbligate, ma da dicembre del 2017 era impossibile accedervi via terra. Un’ordinanza del Comune di Realmonte, a tutela dell’incolumità pubblica, ne impediva, infatti, il transito a causa della caduta di massi.

Le opere eseguite (avviate a marzo scorso con un progetto da 417 mila euro) hanno comportato: la bonifica del costone roccioso interessato e il distacco delle sue parti instabili; la collocazione di reti paramassi in acciaio; la chiodatura di una rete corticale oltre a un sistema di drenaggio dei filoni idrici presenti.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI