Rifiuti a Palermo, “gelo” tra Rap e sindacati: niente straordinari e la raccolta rallenta

Sempre più “freddo” tra Rap e lavoratori (che confermano lo stato di agitazione). E la raccolta dei rifiuti a Palermo rallenta. Le sigle sindacali non arretrano e ribadiscono la richiesta di chiarezza sulla tenuta dell’azienda e disertano l’incontro proposto dai vertici: il risultato è che la raccolta ordinaria dei rifiuti viene sospesa ai normali orari di lavoro e non sono previsti straordinari.

La Rap contava sul regime di straordinario per supplire alla carenza di personale, ma i lavoratori non ci stanno e per ora mantengono salda la linea, attenendosi solo a quanto prevede esplicitamente il contratto in fatto di turni. Una situazione che però rischia di generare una nuova emergenza rifiuti se nei prossimi giorni non verrà trovata una soluzione. A Bonagia, Villaggio Santa Rosalia, Oreto e Villagrazia già ci sono i primi cumuli.

Il presidente della Rap Giuseppe Norata – intervistato dal Giornale di Sicilia – dice: “Non sono nelle condizioni di gestire una crisi che non dipende da problemi tecnici, ma da rivendicazioni sindacali la cui soluzione è di pertinenza del socio unico. Il sindaco ci sta mettendo tutto il suo impegno in questa partita e sta ascoltando le parti con grande attenzione”.

Orlando, da parte sua, incontrerà nuovamente le organizzazioni sindacali e si è detto perplesso sulla scelta di continuare lo stato di agitazione.

DONNA UCCISA A PALERMO: IL MARITO DI PIERA NAPOLI AVREBBE AGITO PER GELOSIA

SUPERMARIO DRAGHI, BASTA “POCO” PER METTERE D’ACCORDO (QUASI) TUTTI

REGIONALI; AUMENTO DI STIPENDIO PER LA “TREGUA”

PALERMO, 32ENNE UCCISA A COLTELLATE: IL MARITO CONFESSA

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI