rifiuti a palermo

Rifiuti a Palermo, scontro tra l’ex comandante dei Vigili Urbani e i vertici della Rap

È scontro ‘interno’ a Palermo sull’annosa e mai risolta questione della gestione dello smaltimento e della raccolta dei rifiuti.

Ad accendere la miccia è stato l’ex comandante dei Vigili Urbani, Gabriele Marchese che ricopirà il ruolo di vicesegretario comunale. In una lettera di congedo indirizzata ai colleghi, infatti, ha affermato che “attribuire a voi il pessimo risultato della società partecipata sulla raccolta dei rifiuti piuttosto che alla dirigenza di tale società costituisce l’ennesimo falso storico di questa città”, aggiungendo che “impedire la comunicazione dei dati veri oltretutto è, se ce ne fosse bisogno, sintomo che il vero cambiamento è di là da venire”.

Marchese, infatti, sarebbe stato rimosso dal vertice della Polizia Municipale perché i vigili urbani in borghese non sarebbero riusciti ad ottenere i risultati voluti dall’amministrazione comunale contro l’abbandono illecito dei rifiuti.

In una nota la replica di Giuseppe Norata, Amministratore Unico di Rap: “Personalmente sono abituato ad assumermi ogni responsabilità anche quando l’evidenza mi avrebbe dato la possibilità di scaricarla su altri. Non ho mai nascosto e ho sempre ammesso i limiti di Rap e i problemi strettamente connessi all’operatività quotidiana, ma in un momento particolarmente delicato ove emergono fatti e circostanze complessi, e a volte anche inquietanti, mai mi sarei aspettato una presa di distanze da parte di chi è chiamato a lavorare in sinergia e a tutelare il sistema pubblico di cui la Rap è parte integrante”.

Norata ha poi inviato un appello ai lavoratori per una presenza massiccia nei fine settimana: “Le attuali condizioni mi hanno costretto a richiedere, per le vie brevi, alle principali organizzazioni sindacali di categoria di sensibilizzare i propri iscritti ad una presenza massiccia ed una risposta positiva agli ordini di servizio, anche nell’espletamento dello straordinario, per recuperare il decoro che la nostra città merita. Rivolgo a tutti i lavoratori un appello in tal senso, perché anche in questo lungo fine settimana, festività compresa, diano segni di presenza, anche in straordinario e di piena responsabilità, non cedendo alle numerose provocazioni e attacchi che pervengono da più fronti. Possiamo tutti così riuscire ad evitare che si creino condizioni igienico sanitarie tali da dovere coinvolgere altre autorevoli istituzioni”.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI