rifiuti arriva la decisione del tar può partire la raccolta in 13 comuni del palermitano

Rifiuti, presto a Palermo un ispettore ambientale e multe più aspre per chi sporca

L’emergenza rifiuti a Palermo è rientrata. In queste ore sono in corso gli ultimi interventi straordinari e la RAP ha promesso che, al massimo per domani mattina – mercoledì 9 gennaio – la città sarà ripulita. Tuttavia, l’obiettivo è ridurre la possibilità che possa accadere di nuovo e, alla luce di ciò, la commissione Affari Generali del Comune di Palermo ha approvato il nuovo regolamento sulal gestione del servizio rifiuti.

Come dichiarato in una nota dal consigliere comunale Rosario Arcoleo (Partito Democratico), presidente della commissione, “adesso la parola passerà al Consiglio comunale. Ci attiveremo per accelerare il più possibile l’approvazione finale del provvedimento, in modo da consegnare alla città di Palermo uno strumento importante, per incrementare la raccolta differenziata, e favorire una collaborazione più incisiva tra pubblica amministrazione e cittadini”.

“Il nuovo regolamento – ha spiegato Arcoleo – prevede l’introduzione della nuova figura dell’ispettore ambientale che collaborerà con i cittadini e con la Polizia Municipale. Nella fase iniziale ne entreranno in servizio 50. Il personale verrà messo a disposizione dall’Srr ex ‘Palermo Ambiente’ e dalla Rap. Queste nuove figure professionali attiveranno un filo diretto con la cittadinanza per informare l’utenza, sugli orari e le modalità di raccolta per ogni tipologia di rifiuto, oltre ad avere un ruolo di controllo e vigilanza sul rispetto del regolamento, segnalando la necessità di sanzioni su eventuali violazioni alla Polizia Municipale”.

“Oggi – ha concluso Arcoleo – abbiamo sentito l’avvocato Fiorino, il legale incaricato dal Comune di stilare il regolamento per l’Ufficio Ambiente. In sinergia con l’amministrazione, abbiamo deciso di votare a maggioranza il provvedimento, con alcune modifiche proposte dalla Commissione che prevedono l’inasprimento delle multe da 25 a 150 euro, per i proprietari dei cani che non raccolgono gli escrementi lasciati per strada dai loro animali e per i non residenti, non titolari di utenza che portano i rifiuti in città”.

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI